fbpx Vai al contenuto

Noi per Voi

Panta Rei, “Tutto scorre”

binari del treno

Abbiamo scelto di chiamarci così perché, come Eraclito, crediamo che niente resti identico.

Il disagio mentale non è una realtà statica ma vitale, a cui offrire una prospettiva differente.

Ecco perché ogni giorno diamo ascolto a ogni segnale di cambiamento, valorizzandolo e incoraggiandolo.

Dal 2001 la nostra missione è avviare persone con disagio mentale ad un percorso riabilitativo attraverso la creazione di veri posti di lavoro, perché pensiamo che, in particolare attraverso il lavoro, si possano combattere i fenomeni di emarginazione e stigmatizzazione di queste persone, reinserendole nel tessuto sociale.

Il nostro percorso,
il cambiamento

Ispirandoci al principio del recovery il nostro impegno punta al passaggio dal ruolo di paziente/malato al ruolo di cittadino/persona/lavoratore, recuperando un’identità positiva, portatrice di diritti e potenzialità, favorendo il cambiamento e stimolando una crescita ed un’aspettativa ricca e positiva per il proprio percorso di vita.

Attraverso una relazione di fiducia e rispetto tra i soci della Cooperativa il nostro agire punta ad incontrare la persona, oltre la malattia, i sintomi, la diagnosi, accettando la diversità ma puntando ad una parità che non deve mai essere dimenticata. Attraverso il lavoro, nel fare, si crea una comunicazione reciproca e un terreno che favorisce nella quotidianità una storia comune di appartenenza.

Nella nostra Cooperativa avviene una ridefinizione del rapporto soggetto-lavoro, per cui è il lavoro che, il più possibile, si adatta alla persona, divenendo una sorta di “abito sartoriale” cucito a misura del lavoratore, che partecipa consapevolmente all’intero processo produttivo per trarne senso e soddisfazione.

Noi negli anni

Cosa abbiamo fatto in questi anni?

Ci siamo impegnati per creare una realtà cooperativa basata sui concetti di solidarietà, relazioni vere, realismo, umiltà e senso del limite. Il nostro è un piccolo gruppo in cui circola speranza e voglia di fare.

Come siamo cresciuti?

Che il fare insieme è la miglior risposta alla sfiducia, alla rassegnazione, alla rinuncia ai propri diritti e anche ad un po’ di felicità, che il capitale umano e sociale, cresciuto nel tempo, è il fattore più importante che ci da stimolo per continuare a crescere e a rinnovarci e che anche una piccola istituzione privata come la nostra può creare tanto benessere pubblico.

 

Le ultime news